Home TvSerie tv“The Crown”: la quarta stagione raccontata dal cast

“The Crown”: la quarta stagione raccontata dal cast

I nuovi episodi sono disponibili in streaming su Netflix dal 15 novembre

Foto: Tobias Menzies e Olivia Colman in un episodio

13 Novembre 2020 | 17:12 di Giulia Ausani

I cancelli di Buckingham Palace si aprono ancora una volta per lasciarci sbirciare tra le sue stanze immense, seguendo la vita della famiglia reale inglese. Questa volta negli Anni 80. La quarta stagione di The Crown, disponibile su Netflix dal 15 novembre, copre il periodo che va dal 1979 al 1990: gli anni di Margaret Thatcher come primo ministro del Paese, della guerra delle Falkland e soprattutto di Lady Diana, dal suo incontro con Carlo fino ai primi difficili anni di matrimonio. 

«Definire Diana un’icona è riduttivo», ha detto Emma Corrin, che la interpreta (nella quinta stagione sarà sostituita da Elizabeth Debicki, che abbiamo visto di recente al cinema in “Tenet” di Christopher Nolan). «C’è molto di più. E ci siamo concentrati sulla sua umanità e sui diversi aspetti della sua personalità, come la sua passione per la danza e la musica che ascoltava».

Facciamo la conoscenza di Diana che ha appena sedici anni. «Quando lei e Carlo si incontrano per la prima volta, la sensazione è che nascerà qualcosa di speciale», ha detto Corrin. «E anche se sappiamo tutti come andrà a finire, per noi è stato importante concentrarci sulla felicità e la gioia, senza sottolineare l’aspetto tragico».

Foto: Emma Corrin e Josh O'Connor in una scena della serie

«Anche se sono stati entrambi manipolati e spinti a sposarsi in fretta, si volevano davvero bene e abbiamo cercato di farlo vedere» ha detto Josh O’Connor, che torna a vestire i panni del principe Carlo. «È stato fondamentale per me cercare di capire le complicazioni del matrimonio, la pressione della famiglia, l’essere sempre sotto l’occhio del pubblico». 

«Sapendo come finirà, è interessante vedere come si sviluppa il dramma», ha detto Olivia Colman, attrice premio Oscar che per la seconda stagione veste i panni della regina Elisabetta. Nei nuovi episodi cerca di seguire i figli ormai adulti e, rendendosi conto dei loro problemi, si interroga molto sul suo ruolo di madre.

Tra gli aspetti più avvincenti della stagione c’è sicuramente il suo rapporto con Margaret Thatcher, interpretata dall’agente Scully di X-Files, Gillian Anderson. Stessa voce strascicata, stessa postura e stesso sguardo severo: Anderson è una copia perfetta della Lady di ferro, così uguale che sul set «Faceva un po’ paura» ha scherzato Colman. Il loro rapporto professionale è irto di tensioni: «La regina era emozionata di avere finalmente una donna con cui lavorare, ma l’entusiasmo non è durato» ha spiegato. 

Come già accaduto con la terza stagione, nella prossima (che sarà anche la penultima) il cast sarà diverso per rispecchiare il passaggio del tempo: a sostituire Olivia Colman sarà Imelda Staunton. «È fantastica» ha detto Colman «Vorrei non fosse così brava, nessuno si ricorderà più di noi dopo la prossima stagione!».