“The wire”, la vita dei poliziotti di Baltimora. Da vedere su Now

Non c’è spettacolarizzazione della violenza, né inseguimenti: il fulcro è la quotidianità raccontata senza sconti

12 Giugno 2024 alle 08:23

Si puo' vedere su

Un tempo Baltimora era chiamata “Charm City”, per l’eleganza delle case e la sua mondanità. Ora è “Bodymore”, la città dei cadaveri, poco fiera di detenere tre record nazionali: povertà, analfabetismo e crimine. “The wire” (2002-2008, su Now), firmata dall’ex giornalista David Simon e dall’ex poliziotto Ed Burns, racconta tutto questo, dallo spaccio al malaffare del porto, da un sistema scolastico al collasso ai faccendieri della politica e ai giornalisti senza scrupoli, e lo fa stravolgendo tutti i codici della serialità.

Non c’è spettacolarizzazione della violenza, né inseguimenti: il fulcro è la quotidianità dei poliziotti del Baltimore Police Department, raccontata senza sconti. Non ci sono eroi o farabutti al 100%, ma gente che cerca di fare il proprio lavoro (o di farlo il meno possibile). Non ci sono casi o delitti da risolvere, ma un’unica grande narrazione corale che si snoda in cinque stagioni che dipingono un crudo ritratto sociologico dell’America moderna, posta impietosamente di fronte alle proprie contraddizioni. Nel cast, Dominic West.

Seguici