Home TvSerie tv“Truth seekers”: di cosa parla la nuova serie di Amazon

“Truth seekers”: di cosa parla la nuova serie di Amazon

Horror e commedia si mescolano nella nuova serie in arrivo su Prime Video il 30 ottobre

Foto: Emma D'Arcy, Nick Frost e Samson Kayo in "Truth Seekers"

30 Ottobre 2020 | 15:00 di Giulia Ausani

Venerdì 30 ottobre su Amazon Prime Video arriva “Truth seekers”, nuova serie comedy horror creata da Simon Pegg, Nick Frost, Nat Saunders e James Serafinowicz. In una combinazione di comico e terrificante, la serie segue le avventure di una squadra di investigatori paranormali. 

«Non vedo perché non si possano combinare la commedia e l’orrore» ha raccontato in conferenza stampa Nick Frost, che nella serie interpreta Gus: di giorno fa l’installatore di banda larga, di notte va a caccia di fenomeni paranormali documentando le loro imprese sul web.

Ispeziona chiese infestate dai fantasmi, inquietanti bunker sotterranei e ospedali abbandonati con una gamma di aggeggi casalinghi in grado di rilevare fantasmi. Presto però le esperienze soprannaturali iniziano a diventare più frequenti e terrificanti, fino a diventare addirittura mortali. Il trio formato da Gus, Elton (Samson Kayo) e Astrid (Emma D’Arcy) scopre così una cospirazione che potrebbe scatenare l’annientamento della razza umana.

Il trailer

«James [Serafinowicz] e io siamo partiti dal personaggio di Gus», ha raccontato Frost. «Per un anno ci siamo mandati notizie di avvistamenti alieni in Brasile e cose del genere. Abbiamo raccolto un po’ di storie, e dopo un po’ ci sentivamo pronti a creare questi personaggi. Ci sembrava una cosa divertente».

«Elton ha un passato traumatico», ha detto Samson Kayo. «Ho cercato di comprendere a fondo la sua storia… e ho guardato un sacco di “Scooby-Doo” per prepararmi», ha scherzato. «Astrid è un gran bel mistero», ha detto Emma D’Arcy. «Sembra comparire dal nulla, e si porta dietro una banda di spettri, fantasmi e spiriti maligni. Quindi ripone tutte le sue speranze in questi esperti paranormali affinché la aiutino a sbarazzarsi dei suoi problemi».

«Per me era importante rendere giustizia alle cose che mi terrorizzavano da bambino», ha detto Frost.