Home TvSerie tv“Ultimo”, la docuserie sull’uomo che arrestò Totò Riina

“Ultimo”, la docuserie sull’uomo che arrestò Totò Riina

A Sergio De Caprio il canale Nove dedica la docuserie in due puntate, in onda il 18 e 19 ottobre

Foto: Sergio De Caprio, detto “Capitano Ultimo”, in una scena della docuserie

16 Ottobre 2020 | 9:31 di Simona De Gregorio

Era il 15 gennaio 1993 quando Totò Riina, il feroce e temuto capo di Cosa Nostra, venne arrestato dal Crimor, una squadra dei Ros (il Raggruppamento operativo speciale dell’Arma dei Carabinieri). A capo dell’operazione c’era Sergio De Caprio, soprannominato “Capitano Ultimo”, l’uomo che è riuscito ad ammanettare il potente mafioso.

A lui il canale Nove dedica la docuserie in due puntate, in onda il 18 e 19 ottobre, intitolata, appunto, Ultimo, il capitano. A ripercorrere le tappe della sua lunga storia è lo stesso De Caprio, che torna nei luoghi dove ha svolto importanti indagini assieme alla sua squadra di uomini pronti a tutto, che lo hanno affiancato nei casi più ostici e pericolosi, anche loro sotto copertura.

Nonostante sia passato alla storia per aver arrestato il “Capo dei Capi”, Ultimo con il suo team ha infatti svolto nell’ombra tante altre indagini, scavando negli affari loschi di numerose cosche mafiose. Ma il suo operato non sempre è stato apprezzato e nella sua carriera non sono mancati i momenti bui. Dopo essere stato prosciolto dall’accusa di favoreggiamento a Cosa Nostra per il ritardo nella perquisizione del covo di Riina, Ultimo nel 2000 ha chiesto il trasferimento ad altro incarico ed è stato assegnato al Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri (Noe) di Roma, dove ha continuato a distinguersi in importanti operazioni.

Dopo trent’anni in prima linea, oggi ha fondato la casa famiglia “Volontari Capitano Ultimo” a Roma. Lì si dedica a progetti di solidarietà nei confronti delle persone meno fortunate. Ad arricchire la narrazione della docuserie ci sono immagini originali di pedinamenti, audio di intercettazioni telefoniche, e interviste ai membri della sua squadra.