Home TvSerie tv“Westworld”: la terza stagione su Sky e Now Tv

“Westworld”: la terza stagione su Sky e Now Tv

Il 16 marzo torna il cult fantascientifico targato HBO e firmato da Jonathan Nolan e Lisa Joy

Foto: Evan Rachel Wood in "Westworld"

16 Marzo 2020 | 10:10 di Valentina Barzaghi

Nella notte fra domenica 15 e lunedì 16 marzo, e successivamente alle 20.15 di lunedì, va in onda su Sky Atlantic e in streaming su NOW TV la terza stagione di “Westworld”, una delle serie HBO più acclamate, firmata da Jonathan Nolan e Lisa Joy.

La terza stagione evade dalle atmosfere crichtoniane degli esordi, quelle del parco divertimenti con le sue creature cyborg, per esplorare il mondo futuristico e distopico fuori dai confini di Westworld. Le luci si abbassano, le tinte si fanno sempre più cupe e protagonista della serie diventa una misteriosa società tecnologica chiamata Incite.

Dolores (Evan Rachel Wood) e le altre creature di "Westworld", che fino a questo momento ambivano a una vita libera fuori dal parco, si scontrano con una dura scoperta: il mondo reale è pieno d’inganni, violenza, ingiustizie e menzogne proprio come il loro universo di finzione. È un sistema che si ripete, solo in chiave diversa.

Mentre Dolores, dunque, si trasforma in un algido sicario vendicativo, Bernard (Jeffrey Wright), Maeve (Thandie Newton), Charlotte (Tessa Thompson) e gli altri, tra cui il poliedrico personaggio interpretato da Ed Harris (“The Truman Show”, “Apollo 13”), proseguono le loro avventure tra passato e presente, su quelle multiple linee narrative che hanno reso celebre la serie. Un autentico rompicapo televisivo che non delude anche in questa terza stagione.

Tra le diverse novità messe in scena da “Westworld 3”, prodotta tra i tanti anche da J.J. Abrams, c’è l’introduzione di due nuovi personaggi interpretati da Aaron Paul (“Breaking Bad”) e da Vincent Cassel (“L’odio”, “Ocean’s Twelve”). Il primo è Caleb Nichols, un ex veterano di guerra coinvolto in una serie di pericolose missioni; il secondo è Serac, un misterioso personaggio dalle risorse all’apparenza illimitate.

“Westworld” si conferma la serie sorprendente di sempre, una lunga riflessione sull’umano-non umano amata dalla narrativa fantascientifica di ogni tempo, ma qui proposta in una chiave cervellotica inedita, ineguagliabile a qualsiasi prodotto televisivo visto a oggi.