Home TvSoapDonna Cayetana e Donna Francisca: chi è la più cattiva?

Donna Cayetana e Donna Francisca: chi è la più cattiva?

Per valutare i delitti delle crudelissime di «Una vita» e «Il segreto» ci siamo rivolti al giudice di Forum

09 Agosto 2018 | 12:00 di Paolo Fiorelli

È così bello odiarle che molti finiscono per... amarle. E si dimenticano di quanto siano malvage. Stiamo parlando di Donna Francisca e Donna Cayetana, le «dark lady» de «Il segreto» e «Una vita». Da centinaia e centinaia di puntate ordiscono piani diabolici, mentono, minacciano, rapiscono e uccidono. E la fanno sempre franca. Ma c’è una domanda che pretende risposta: chi è la più cattiva? O anche: chi rischierebbe di più, se finalmente dovessero essere condannate per tutte le loro malefatte?

Per sciogliere il dilemma, abbiamo preparato un elenco sommario dei maggiori crimini delle due malfattrici e poi ci siamo rivolti a un esperto: il giudice di «Forum» Francesco Foti.

La prima conclusione è che il quadro accusatorio è per entrambe gravissimo: «Non solo si sono macchiate di numerosi delitti, ma nella maggioranza dei casi si possono  rintracciare le aggravanti della crudeltà, dei futili motivi e della premeditazione. Non gesti d’impeto, insomma, ma veri e propri piani criminali accuratamente preparati: e in questo caso la legge prevede anche l’ergastolo».

Certo, ci sono alcune situazioni poco chiare: quando Donna Francisca fa secco Julian Ruiz negandogli le medicine dopo che lui ha avuto un infarto, si può parlare di omicidio o è «solo» omissione di soccorso? Oppure quando Cayetana spacca un vaso in testa a Humildad per evitare che avveleni Teresa, si può parlare di legittima difesa? «Solo se il gesto era indispensabile per fermare la minaccia» chiosa il giudice «e comunque ammazzare con una “vasata” in testa mi sembra esagerato: è probabile l’eccesso di legittima difesa».

Poco importante, invece, il fatto che certi delitti siano commessi di propria mano mentre altri siano commissionati a complici e scagnozzi, soprattutto da Donna Francisca, che comanda mezza Puente Viejo: «Il codice penale non fa distinzione tra il mandante e l’esecutore materiale di un delitto. Entrambi saranno imputati per omicidio».

Ricordati anche i casi di calunnia con cui le due fanno arrestare e finire in galera molti innocenti, «e per i quali la pena prevista può arrivare fino a 20 anni», stendiamo un velo pietoso sui reati minori delle due megere, a cominciare dagli infiniti episodi di minacce: «Cosa vuole che siano, di fronte ai tremendi curriculum criminali di simili soggetti?».

Altri dubbi nascono da questioni di equità del confronto: perché se è vero che Francisca ha commesso in totale più crimini di Cayetana, è anche vero che ha avuto a disposizione molte più puntate per farlo. Se guardiamo alla media, Cayetana uccide più spesso e in maniera persino più crudele. E tra le sue vittime ci sono due bambini, di cui uno è la sua stessa figlia Carlota («il che implica l’ulteriore aggravante dell’omicidio di un congiunto!» chiarisce il giudice). Per cui per noi non c’è dubbio: la più cattiva è Cayetana. Il caso è chiuso.

DONNA CAYETANA

NOME: Donna Cayetana Sotelo Ruz (interpretata da Sara Miquel).
ATTIVA A: Madrid dal 1899 al 1900.
NOVELA: «Una vita».
TRATTI PSICOLOGICI: simulatrice, seduttrice, calcolatrice.
SEGNI CARATTERISTICI: porta spesso elaborati cappellini.

OMICIDI ACCERTATI: 6 (uno ogni 100 puntate circa)
Tra cui due infanticidi: quelli di Tirso e della sua stessa figlia Carlota.
Vittime: Carlota, ispettore Padilla, Humildad, Tirso, architetto Aranda, Manuela.
+ 1 tentato infanticidio (contro la figlia di Manuela).
+ 2 casi di calunnia (contro il marito German e Manuela).

COSA RISCHIA:
4 ergastoli e 40 anni di carcere

DONNA FRANCISCA

NOME: Donna Francisca Montenegro (interpretata da María Bouzas).
ATTIVA A: Puente Viejo dal 1902 agli Anni 20.
NOVELA: «Il segreto».
TRATTI PSICOLOGICI: vendicativa, possessiva, passionale.
SEGNI CARATTERISTICI: ama indossare collane e orecchini di pietre preziose.

OMICIDICI ACCERTATI: 9 (uno ogni 200 puntate circa)
Tra cui quello di Pepa. Vittime: Pepa Balmes, Natalia Ulloa, Julian Ruiz, Leon Castro, Leonardo Céspedes, Silverio, Sabina Vega, Bernarda Montenegro, Inés Mendizabal.
+ 3 tentati omicidi (Fernando, Conrado, Gonzalo).
+ 2 rapimenti di persona (Tristan Castro e Inés).
+ 3 casi di calunnia.

COSA RISCHIA:
6 ergastoli e 100 anni di carcere