Home TvSoap“Il segreto”, le anticipazioni: questi occhi azzurri vi sedurranno

“Il segreto”, le anticipazioni: questi occhi azzurri vi sedurranno

Ecco quello che succederà nelle puntate della soap opera in onda dal 17 al 21 giugno su Canale 5 (da lun. a ven. ore 15.30)

Foto: Alessandro Bruni Ocaña

14 Giugno 2019 | 14:00 di Gabriella Persiano

Tra i medici che abbiamo visto a Puente Viejo, il dottor Alvaro Fernandez è sicuramente il più intrigante e affascinante. Arrivato per sostituire Zabaleta, sarà ben presto apprezzato, e non solo come professionista, da una delle protagonisti femminili. A interpretarlo è Alessandro Bruni Ocaña, mamma spagnola e papà italiano, che grazie a "Il segreto" ha avuto l’occasione di diventare un volto noto in entrambi i Paesi delle sue origini.

Alessandro, ci racconti come è diventato attore.
«Tutto è iniziato attorno ai 14 anni. I miei genitori, mia madre è una sommelier e mio padre un ingegnere, avevano deciso di lasciare Madrid per trasferire tutta la famiglia a Milano. Qui ho frequentato le scuole superiori».

E cosa è successo?
«Mi sono iscritto al gruppo di teatro del liceo con cui partecipai al festival “Lingue in scena”. È un evento che si tiene ogni anno a Torino e che coinvolge giovani attori provenienti da tutta Europa. Lì interpretai per la prima volta un ruolo da protagonista di fronte a tanta gente sconosciuta. Una volta sceso da quel palco, capii che avrei voluto risalirci il più spesso possibile».

Fino a oggi, tra le sue esperienze lavorative, qual è stata la più emozionante?
«Nel 2012 ho recitato nello spettacolo teatrale Rosso assieme a Ferdinando Bruni per il Teatro dell’Elfo di Milano (Bruni è il fondatore dell’Elfo insieme con il regista Gabriele Salvatores, ndr). Abbiamo replicato vari anni di fila ed è stato senza dubbio il mio lavoro più importante e riconosciuto. Poi ho recitato in L’ acrobata, in cui sono stato diretto dal maestro Elio De Capitani, sempre al Teatro dell’Elfo».

Oggi, invece, è arrivata l’occasione con "Il segreto".
«Devo dire che Alvaro è un personaggio molto interessante. Lo definirei come un seduttore misterioso che non lascia mai nulla al caso. Inoltre è estremamente pignolo e confesso che mi diverte proprio giocare a fare il “precisino”».

Sulla sua strada incontra Elsa (Alejandra Meco). Dobbiamo aspettarci una storia d’amore tormentata come da tradizione?
«Abbastanza (sorride). Inizialmente avranno uno scontro piuttosto deciso. Tuttavia pian piano il loro conflitto li porterà ad avvicinarsi. Di sicuro non mancheranno gli ostacoli da superare, anche perché nel passato di Alvaro si nascondono dei segreti piuttosto oscuri».

Molti suoi colleghi raccontano di sentirsi impacciati con i costumi di scena. Come si vede lei vestito Anni 30?
«Potrebbe sembrare strano, ma mi trovo perfettamente a mio agio. È uno stile che mi piace molto».

Ha vissuto sia in Italia che in Spagna. Sia sincero, dove sta meglio?
«Non prendetevela, ma a Madrid, è lì dove mi sento meglio: per il clima, la gente, i ritmi e forse perché mi sento più ancorato alle mie radici. Insomma è dove respiro aria di casa».

Il riassunto della scorsa settimana (dall’8 al 14 giugno)

Antolina fa di tutto per perdere il bambino. E poiché la caduta dalla collina non è bastata, si dà dei pugni sulla pancia... Onesimo scopre che Meliton sogna di cantare in un coro durante il Natale, perciò gli propone di entrare a far parte del gruppo canoro di Puente Viejo. Anacleto si presenta a casa di Irene per formalizzare la fine del loro rapporto lavorativo. Julieta è pronta per risposarsi con Saul. Fernando riesce a trovare Emilia e Alfonso, ma a sorpresa spunta Donna Francisca che gli punta contro una pistola.

Le anticipazioni dal 17 al 21 giugno

● Raimundo riesce a fermare Francisca prima che spari a Fernando.
● Elsa viene accusata di aver provocato l’aborto di Antolina e per la ragazza si apre un capitolo nero della sua vita.
● Maria riesce finalmente a riabbracciare i genitori, prima che i due partano per sempre.
● Julieta confessa alla nonna Consuelo di temere che qualcuno la stia pedinando.
● Irene, con grande sorpresa, trova lavoro in una testata nazionale proprio grazie all’appoggio di Anacleto.