“Tempesta d’amore”, le anticipazioni: e se fossimo fratello e sorella?

Ecco quello che succederà nelle puntate della soap opera in onda dal 27 agosto al 2 settembre su Rete 4 (da sab. a ven. ore 19.50)

Lorenzo Patanè e Deborah Müller
26 Agosto 2022 alle 11:20

Le anticipazioni della settimana dal 27 agosto al 2 settembre

• Tutte le trame e le anticipazioni di "Tempesta d'Amore"

Visto che proprio non riesce a separare gli innamoratissimi Cornelia (Deborah Müller) e Robert (Lorenzo Patanè), Ariane (Viola Wedekind) decide di colpirli mettendo in scena la più perfida delle menzogne. Origliando come al solito una conversazione tra Cornelia e il giovane Saalfeld, la dama nera del Fürstenhof scopre che la madre di lei, Erika, in gioventù aveva avuto una breve relazione con Werner (Dirk Galuba); immediatamente dopo la fine del flirt Erika aveva sposato un altro uomo ed era rimasta subito incinta di Cornelia. Da questo Ariane prende spunto per un piano diabolico… Poiché Erika è affetta da Alzheimer, riesce a convincerla con l’inganno a scrivere alla figlia una lettera in cui le confida come il suo vero padre in realtà sia Werner. Dopo aver “invecchiato” la lettera macchiandola con del tè, Ariane fa in modo che Cornelia la trovi tra gli oggetti di sua madre. Per lei e Robert lo shock è enorme: se Erika dice la verità, loro sarebbero fratellastri. Sconvolti, i due innamorati decidono di sottoporsi a un’analisi del dna che confermi o smentisca con certezza la notizia. Ariane, però, è sempre all’erta e riesce a mettere le mani sui campioni da analizzare e a manipolare il risultato.

Ladre per Florian

A nessuno va giù l’idea che Florian (Arne Löber) non possa curarsi col farmaco del dottor Berthold. Una notte, dunque, Constanze (Sophia Schiller) scassina l’armadietto che contiene il miracoloso antibiotico e lo ruba. Non solo: riesce anche a convincere Florian a prenderlo venendo meno ai suoi scrupoli. Anche Maja (Christina Arends) si ritrova pronta a rubare il farmaco per il suo amato, ma scopre di essere arrivata a cose fatte.

Seguici