“Un posto al sole”: i segreti di Diana svelati dall’interprete Sara Zanier

Un bel tipo, non c’è che dire. Sicura di sé, capace, elegante. Molto affascinante. Forse troppo

18 Aprile 2023 alle 08:01

Un bel tipo, non c’è che dire. Sicura di sé, capace, elegante. Molto affascinante. Forse troppo: l’architetto Diana Della Valle, infatti, ha già seminato scompiglio sentimentale nella quiete (sempre relativa) di "Un posto al sole". Ha colpito al cuore Alberto Palladini (Maurizio Aiello) e ora l’avvocato è nei guai con la sua Clara (Imma Pirone). Ma chi è davvero Diana? L’abbiamo chiesto alla sua interprete Sara Zanier. Che alla fine ci ha rivelato anche un curioso retroscena che la lega alla soap.

Dunque, Sara, ci dica subito se Diana è una “buona” o una “cattiva”…
«È una buona. Un po’ particolare, diciamo, perché prima di tutto non vuole porsi problemi per gli altri».

Che cosa vuol dire?
«Vuol dire che è indipendente, colta, determinata, attraente, di estrazione sociale elevata, e dunque non poteva che trovarsi in sintonia con Alberto. Ed è stata al gioco con lui, perché lei capisce chi le piace e ha scelto di andare con lui. Ma ha bisogno di leggerezza e dunque mette in chiaro che la “questione Clara” sarà tutta sulle spalle di Palladini. Non sta sotto il tallone né dei maschi, né dell’amore: è più forte di tutto questo. Poi è cinica, sì, e mi chiedo che passato possa avere».

Potrebbe immaginare i trascorsi di Diana per noi?
«Non ci ho pensato, perché ho fiducia negli autori. Ma vorrei qualcosa di forte: se dark lady dev’essere, che sia tosta! Potrebbe aver fatto qualcosa che nessuno si aspetterebbe da una persona così altolocata. Magari un omicidio…».

Ricorda il suo primo giorno sul set? Feste? Regali? Sorprese?
«I festeggiamenti si fanno solo a fine riprese. L’unico regalo che ti spetta è un po’ più di tempo per prepararti, perché l’ultimo arrivato ha bisogno di ripassare un po’ la parte. E non è poco: vedevo i colleghi schizzare qua e là come palline da ping pong! Comunque, nella seconda scena del primo giorno Diana faceva già l’amore con Alberto su una scrivania. Noti che Maurizio Aiello e io ci eravamo appena conosciuti!».

Se dovesse fare interpretare Diana a una stella internazionale, chi sceglierebbe?
«Charlize Theron, senza dubbio. Lei può rendere quel carattere in cui si uniscono freddezza e umanità, e dare un perfetto alone di mistero».

Noi la ricordiamo in "Incantesimo 10", "CentoVetrine", "Non dirlo al mio capo 2"… Però il suo curriculum dice che è già apparsa in "Un posto al sole" nel 2007. Ricorda quel ruolo?
«Sa che sul set me l’hanno detto subito? Sarà stato un personaggio con una o due battute, perché ero davvero agli inizi. Onestamente non me lo ricordo, però. Chissà, Diana potrebbe essere nata proprio allora. Sarei felice se un lettore appassionato di "Un posto al sole" mi rinfrescasse la memoria!».

Seguici