Home TvUrbino «laurea» Al Bano: «Col Sigillo sono quasi dottore»

Urbino «laurea» Al Bano: «Col Sigillo sono quasi dottore»

Il cantante ha ricevuto l'ambita onorificenza dall'Università. E dal 20 gennaio sarà su Raiuno con Romina per «Così lontani, così vicini»

Foto: Al Bano (al centro) a Urbino mentre riceve il Sigillo.

11 Dicembre 2015 | 17:12 di Franco Bagnasco

«Certo che ero emozionato!» dice Albano Carrisi, che ha appena ricevuto dal Magnifico Rettore dell'Università di Urbino, Vilberto Stocchi, il Sigillo dell'Ateneo. Un riconoscimento che va al cantante per «l'impegno come ambassador delle Nazioni Unite contro la droga e per l'alimentazione e l'agricoltura».

Al Bano, possiamo chiamarla dottore?
«Beh sì, questa onorificenza è una sorta di Laurea. Se l'avessi presa, nella mia vita, sarebbe stata in Musica, al Dams. E pensare che i miei mi volevano professorino, o impiegatino. Ma sin da ragazzo avevo in testa solo l'idea di cantare».

Come ricorda il momento della premiazione?
«Arrivato alle 11, mi hanno vestito, e dopo mezz'ora, mentre leggevano le motivazioni, pensavo: guarda quante cose ho fatto in questi anni, vissuti e sofferti... Quasi non le ricordavo».

Quali saranno i suoi prossimi impegni professionali?
«Con Romina stiamo girando sei puntate di ?Così lontani, così vicini?, in onda su Raiuno dal 20 gennaio. Ma cinque giorni prima Bruno Vespa mi dedicherà uno speciale di ?Porta a porta? da registrare a Mosca».